• Come scegliere le porte d'ingresso in PVC con vetro Oknoplast
    Come scegliere le porte d'ingresso in PVC con vetro Oknoplast
    20 febbraio 2020
  • Come scegliere il colore degli infissi esterni?
    Come scegliere il colore degli infissi esterni?
    30 gennaio 2020
  • Soluzioni alternative per oscurare le finestre senza persiane
    Soluzioni alternative per oscurare le finestre senza persiane
    24 gennaio 2020
  • Prendere le misure per le finestre: tutti i consigli
    Prendere le misure per le finestre: tutti i consigli
    22 gennaio 2020

Isolamento acustico della casa: tutto ciò che dovresti sapere

Per procedere all’isolamento acustico della casa devi considerare che ogni abitazione è un ricettacolo di rumori, alcuni prodotti internamente e altri provenienti dall’esterno. È molto importante capire quali rumori creano maggior disagio, perché se il livello d’inquinamento acustico è troppo elevato, alla lunga può causare danni alla salute.

Le vertigini, l’aumento della pressione e del battito cardiaco e i disturbi del sonno sono infatti solo alcune delle conseguenze causate da un’eccessiva esposizione al rumore. Tieni in considerazione che il livello di rumore all’interno della tua abitazione non dovrebbe superare i 55 decibel di giorno e i 40 decibel di notte per favorire il sonno.

Lo scopo di questa guida è quello di fornirti alcuni consigli e accorgimenti da adottare per migliorare la vivibilità all’interno della tua casa.


Quando il rumore della strada penetra dentro casa

Una delle principali fonti di inquinamento acustico, soprattutto se vivi in città, è data dall’insieme di suoni e rumori provenienti dalla strada.

Un modo per procedere all’isolamento acustico dai rumori della strada è la sostituzione dei vecchi infissi con serramenti isolanti di alta qualità. Che cosa vuol dire finestre isolanti? O meglio, quali elementi dell’infisso concorrono a diminuire i decibel percepiti?

Gli elementi da considerare sono:

 

isolamento-acustico-della-casa

Finestra Prolux Evolution di Oknoplast

 

Qualità del materiale utilizzato per il telaio

Come ben saprai i telai delle finestre sono realizzati prevalentemente in PVC, alluminio, legno o soluzioni ibride (combinazioni di legno-PVC o legno-alluminio).

Dal punto di vista dell’isolamento acustico della casa, gli infissi in legno offrono buone prestazioni solo se il materiale utilizzato è di alta qualità. Se gli infissi sono realizzati con un buon legno, come ad esempio l’abete, essi contribuiranno ad isolare la tua casa da rumori fastidiosi.

Se, al contrario, la qualità è scarsa, come nel caso dei truciolati, anche le prestazioni in termini di isolamento acustico non saranno soddisfacenti. Un altro svantaggio del legno è legato allo spessore del profilo: per ottenere le medesime prestazioni in termini di isolamento acustico è necessario un telaio più grosso rispetto al PVC e all’alluminio.

In altri articoli abbiamo fatto spesso riferimento al fatto che per avere la certezza che un serramento sia di qualità, questo deve presentare le certificazioni CE. Le certificazioni e la garanzia vanno presentate indipendentemente dal tipo di materiale utilizzato, sia esso legno, alluminio o PVC.

Il PVC è un materiale che garantisce ottime prestazioni in termini di abbattimento dei rumori, ha il vantaggio di resistere all’azione degli agenti atmosferici e presenta ottime capacità di isolamento termoacustico.

L’alluminio, similmente al PVC, è un ottimo materiale isolante per i rumori, ma per proteggere la tua casa anche dagli sbalzi di temperatura devi acquistarlo con il taglio termico.

 

infografica vantaggi in pvc


Tipologia di vetro

Per lasciare il caos “fuori dalla finestra” sono necessari degli infissi con almeno una vetrocamera doppia, riempita con gas Argon, in quanto consente un isolamento maggiore rispetto all’aria comune.

Nella scelta della vetrocamera sono altresì importanti lo spessore delle lastre e la grandezza degli intercapedini, ovvero degli spazi compresi tra una lastra e l'altra. In generale, più i vetri sono spessi e più sono larghi gli intercapedini, migliore sarà la capacità isolante delle vetrate.

Se abiti in una zona particolarmente rumorosa, potresti considerare di acquistare vetri multistrato: queste vetrate sono formate da più strati uniti tra loro da pellicole collanti che attutiscono i suoni. Un'altra soluzione che potresti adottare è quella del vetro triplo o quadruplo.


Posa in opera

Se pensi che la sostituzione degli infissi sia un'operazione lunga ed invasiva, probabilmente non sai che è possibile farlo anche senza opere murarie, sarà sufficiente fissare il nuovo serramento sul vecchio telaio, che avrà la funzione di controtelaio.

 

Cambiare infissi e serramenti

 

Cosa fare se il rumore dei vicini è insopportabile

La nuova vicina del piano di sopra mette i tacchi un’ora prima di uscire di casa? Niente panico.

Se vuoi evitare inutili discussioni con i vicini, puoi procedere all'isolamento acustico della casa tramite l'installazione di un controsoffitto dotato di sospensioni elastiche, riempito con materiale fonoassorbente.

Un'alternativa più economica e meno invasiva è data dall'utilizzo di speciali pannelli isolanti o vele fonoassorbenti. Le caratteristiche isolanti dei pannelli variano in base al tipo di materiale utilizzato e allo spessore.

In commercio potrai trovare una grande quantità di materiali, ma per proteggerti dal calpestio, che è un rumore interno, dovresti prediligere quelli con capacità fonoassorbenti. Questo perché i materiali fonoisolanti servono ad abbattere i suoni che provengono dall’esterno.

Per lo spessore il discorso è più semplice: più i pannelli sono spessi, migliore è la capacità isolante, sebbene questo comporti una riduzione dello spazio.

Un terzo accorgimento è rappresentato dal semplice utilizzo di intonaci isolanti. Si tratta di un intervento semplice che potresti eventualmente eseguire anche da solo, ma è indicato solo per i rumori di lieve entità.

In ogni caso, qualsiasi miglioria tu decida di apportare per ridurre i suoni provocati dai calpestii, ricordati che si possono propagare anche lungo le pareti e probabilmente dovrai intervenire anche su di esse.

 

isolamento-acustico-della-casa

Finestra Prolux di Oknoplast

 

Quando i tuoi passi disturbano la famiglia al piano di sotto

Se al contrario sei tu il vicino rumoroso, la soluzione più veloce per provvedere all’isolamento della tua casa è rivestire il vecchio pavimento con uno strato di materiale fonoassorbente come ad esempio il sughero, posandoci sopra i pannelli ultrasottili in legno. In questo modo si crea un piano di calpestio antivibrante che attutisce efficacemente i rumori.

Se non vuoi eseguire nessun tipo di lavoro, puoi provare con la moquette e i tappeti, che sono sicuramente soluzioni più veloci e talvolta meno costose, ma rendono più difficili e lunghe le operazioni di pulizia. E come ben sai, anche il tempo e la fatica sono costi, quindi prima di scegliere un’opzione piuttosto che un’altra ti consigliamo di fare un’attenta analisi costi-benefici.


Le pareti della tua casa sembrano di carta?

Ti sembra di condividere la vita familiare dei vicini attraverso i muri di casa? Spesso oltre alla parete “incriminata” il rumore proviene anche da quelle circostanti.

Prima di intervenire con i lavori importanti ti consigliamo di verificare la presenza di elementi che possono causare ponti acustici come: tubazioni, scarichi o fori di ventilazione. Se così fosse controlla se sono stati realizzati con materiali antivibranti, fissati con supporti e giunti adeguati e accuratamente isolati. Il rumore si propaga anche a causa di pareti spoglie. In questo caso, una parete attrezzata posta sul lato confinante con l’altra casa sarà sufficiente a risolvere il problema.

Se invece siete costretti ad isolare acusticamente le pareti, la soluzione più semplice è rappresentata dalle contropareti acustiche, realizzate con appositi pannelli o gli speciali intonaci fonoassorbenti.

 

Isolamento acustico della casa: tutto ciò che dovresti sapere 4

Finestra PSK di OKnoplast


Considerazioni finali

In questa breve guida per l’isolamento acustico della casa abbiamo parlato delle più frequenti tipologie di rumori e nello specifico di:

  • Rumori esterni che provengono dalla strada.
  • Rumori interni provenienti dai vicini o dalla televisione ad alto volume.

Ti abbiamo poi fornito qualche consiglio su quali tipologie di intervento puoi applicare per ridurre o abbattere i suoni e, come avrai capito, ci sono diverse opzioni.

Prima di scegliere quale miglioria applicare dovresti svolgere un’attenta analisi sia delle tipologie di suoni che dell’intensità. Per misurare l’intensità del suono, quindi i decibel, ti basterà acquistare un semplice fonometro.

Ti consigliamo inoltre di affidarti ad un esperto, che può essere un rivenditore o un installatore specializzato di infissi.

 

Trova rivenditore

Pubblicato il: 21 giugno 2019

Finestre in PVC

Pubblicato da Davide